Home > Calcio > Barcellona – Real Madrid: Nel super clasico ci pensa Ibra

Barcellona – Real Madrid: Nel super clasico ci pensa Ibra

Ci si aspettava un super clasico pieno di gol questa sera tra il Barcellona di Ibra e il Real dei 300 milioni invece i 110 mila spettatori allo stadio e i milioni di telespettatori da casa si sono dovuto accontentare di un solo gol.

Nel primo tempo si è visto un Real più reattivo e molto più pericoloso del Barcellona che si è limitato nelle ripartenze tra l’altro murate da Raul Albiol e compagni nel reparto difensivo aiutate da uno straordinaro Diarra che straordinario è stato fino ad un certo punto.

Poche emozioni comunque nel primo tempo dove i due tecnici hanno sicuramente capito che negli spogliatoi ai loro giocatori dovevano dire nient’altro che dovevano buttarsi in attacco, e infatti nel secondo tempo di azioni al cardiopalma ce ne sono state eccome. Ronaldo nel secondo tempo si sveglia e crea il panico tra i centrocampisti e difensori del Barca ad esclusione di Piquet, unico tra la confusione a rimanere lucido e a bloccare l’attaccante ogni volta che gli si presentasse davanti. Guardiola si stufa della situazione a sfavore dei suoi, fa spogliare Zlatan Ibrahimovic dopo un quarto d’ora di riscaldamento, fuori Henry ed entra Ibra che dopo 10 giorni di assenza viene accolto con una ovazione dal Camp Nou già appena si stava alzando dalla panchina.

Cambio che da subito i suoi frutti: Daniel Alves crossa in mezzo e Ibra con un potente piatto sinistro al volo insacca Casillas per la sua prima rete nel super clasico, il Camp Nou è una bolgia e Ibra esulta per la prima volta dopo un gol fatto al Real. Intanto attentato alla Casa Blanca che si trova in un primo momento disorientata dalle geometrie di Xavi, Iniesta e Messi che non fanno toccare palla al Real fino a che il Barca non compie un ingenuità. Xabi Alonso lancia Ronaldo, il pallone viene intercettato con la mano da Busquets che era già stato ammonito in precedenza, secondo giallo e Barca in 10 uomini. Pellegrini non ci pensa 2 volte a sfruttare la situazione ed ecco il contrattacco dentro Benzema e Raul per Ronaldo e Arbeloa e Real con 4 punte. Il Barca soffre ma il Real continua a sbattere contro il solito Piquet e un super Puyol nel secondo tempo fino a quando gli uomini di Guardiola non si innervosiscono e Diarra, perfetto fino a quel momento, si fa espellere per un fallaccio su Iniesta che gli provoca la seconda ammonizione. Real quindi anch’esso in 10, mazzata finale e finisce qui Barcellona – Real Madrid.

Guardiola può nuovamente guardare il Real dall’alto verso il basso mentre Pellegrini potrebbe non vedere più la panchina del Real Madrid.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: